02 novembre 2008

Le poesie di Mario Calcagno (un'anticipazione...)

L'altroieri mi sono imbattuto nel libro di poesie Io sono uno spostato (ed. Sensibili alle foglie) di Mario Calcagno.

Sto scrivendo una recensione ma nel frattempo vi lascio tre poesie da leggere, che introduco brevemente.

Mario Calcagno è un 51enne piemontese, da molti anni in cura psichiatrica. Ha una conoscenza ossessiva dell'italiano, ogni parola gli è amica o nemica, e più che un poeta è un artista della parola.

Davide


Psichiatria

Le finestre alte e strette
luci fredde e molto inquiete,
non era casa mia:
ero entrato in psichiatria

Stillicidio delle flebo
intontimento da Roipnol,
non era casa mia
ero ancora in psichiatria

Il tremar delle mie membra
l'affannarsi del respiro,
non era casa mia,
ero sempre in psichiatria

L'impazzire della mente
cinghie strette intorno ai polsi,
non era casa mia
ero proprio in PSICHIATRIA!

*************

Lo psichiatra

Lo psichiatra
spesse volte con "piedi di pietra"
s'inoltra sopra fragili
cristalli di vetro
barbagli nelle tenebre
dove è sempre ombra
e stupito sembra
che il cristallo si rompa
e, per il dolore, latri.

*************

Uccidetemi (da Tito Schipa junior)

... e se deliro, e se deliro!
UCCIDETEMI o critici, o psichici
o menteanalitici, o medici, o clinici, cerebrologici,
o pratici, grandimunifici, crani orologici, sensoanalgesici,
nei vostri camici, comici, cinici, venite lucidi,
luridi reduci, sotto: UCCIDETEMI!
Perché il pensiero era questo qua:
dove andate amici stasera,
parlerete di che, riderete di che,
è davvero possibile, è lecito che...
io non viva, io non sappia la vostra avventura,
che io non sia da voi
e con voi
ed in voi...
e voi in me.

... e se deliro, e se deliro!
UCCIDETEMI o sadici, o unici
o voi sì saccenti, teorici chierici,
di logaritmici trip sociolopgici,
che siete in tutto quattordici o quindici
ma create indici immensi, astronomici
di indecifrabili sudici vortici
che paranoici pulcini colpevoli
rendono chi rischia...
L'UTOPIA, ma...

Lontano da questa ammucchiata di spettri parlanti
ciarlieri, eleganti
ma non esistenti, lontano dai falsi profeti
lontano dai finti poeti
le cui sensazioni sono zero
le cui emozioni sono zero
il cui colore è nero
e sempre solo nero,
sotto i freddi lustrini.

Mario Calcagno


Etichette:

6 Commenti:

Alle 11/16/2008 06:32:00 PM , Anonymous GIO MONTI ha detto...

Sono contento che Mario sia SEMPRE in attività, siamo amici ma non lo vedo da ANNI...
Ho avuto l'onore di conoscerlo e di farmi regalare un po' della sua POESIA, acquisterò sicuramente il volume e lo consiglio vivamente a tutti.
La recensione che hai fatto è perfetta e la condivido pienamente, posso solo aggiungere che nonostante le avversità della vita che ha avuto è riuscito ad ESSERE anche un grande artista e una persona straordinaria, estremamente socievole e di un'intelligenza superiore alla norma.
Poi i pregiudizi della gente e le mascherate non fanno per Mario (e nemmeno per me).

 
Alle 12/31/2009 09:19:00 PM , Anonymous Anonimo ha detto...

Cari amici vicini e lontani di MARIO CALCAGNO, mi è gradita l'occasione per segnalare tre blog che parlano di lui quando lo conobbi a Cairo M. e gli diedi il soprannome molto gradito di Poeta Errante...

Entrate in questo e potrete poi navigare verso gli altri due...

 
Alle 12/31/2009 09:19:00 PM , Anonymous Anonimo ha detto...

http://effimerabrunochiarlone.blogspot.com/

 
Alle 8/04/2010 02:56:00 PM , Anonymous Anonimo ha detto...

Cia sono silvana,tutti i giorni vedo Mario, una persona sensibile,buona,capace di trasmettere calore,persona molto preparata,educata,BRAVO MARIO

 
Alle 3/06/2011 07:28:00 PM , Anonymous Anonimo ha detto...

SILVANA se vedi MARIO digli che il suo amico GIO MONTI Lo pensa ogni giorno e che è sempre LA VECCHIA QUERCIA ;) (lui capirà)

 
Alle 10/15/2011 11:39:00 AM , Anonymous Anonimo ha detto...

Un'anticipazione per gli amici di Mario: sta per uscire (si spera prima di Natale) un suo secondo libro di poesie e racconti che verrà pubblicato da un'importante casa editrice...
SERGIO

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page